Francesco Guccini — Signora Bovary lyrics

Signora Bovary (Francesco Guccini)
Ma che cosa c'e' in fondo a quest'oggi
Di mezza festa e di quasi male,
Di coppie che passano sfilacciate
Come garze stese contro il secco cielo autunnale,
Di gente che si frantuma in un fiato
Senza soffrire, senza capire
Tra addormentarsi e morire.
Ma che cosa c'e' in fondo a questa notte,
Quando l'ora del lupo guaisce
E il nuovo giorno non arriva mai
E il buio e' un fischio lontano che non finisce;
Di minuti lunghi come il sudore
Di ore che tagliano come falci
E I tuoi pensieri solo un cane in chiesa
Che tutti prendono a calci.
Ma cosa c'e', cosa c'e'...
Atrii a piastrelle di stazioni secondarie,
Strade piu' strade di avventure solitarie,
Clown della notte,
Valigie vuote,
Piene di trucchi per tragedie immaginarie...
Telecomandi per I quotidiani inferni,
Battute argute di architetti postmoderni,
Amanti andate,
Piaceri a rate,
Pallottolieri per contare estati e inverni.
Ma cosa c'e' proprio in fondo in fondo,
Quando bene o male faremo due conti,
E I giorni gocciolerannmo come I rubinetti nel buio
E diremo "...un momento...aspetti..." per non
Essere mai pronti;
Signora Bovary, coraggio pure,
Tra gli assassini e gli avventurieri...
In fondo a qust'oggi c'e' ancora la notte,
In fondo alla notte c'e' ancora, c'e' ancora
[ Lyrics from: http://www.lyricsty.com/francesco-guccini-signora-bovary-lyrics.html ]

Songwriters: Guccini, Francesco / Guccini, Francesco
Signora Bovary lyrics © Sony/ATV Music Publishing LLC