Samuele Bersani — Lunedì lyrics

Quando atterra la mia vita
Mi si toglie l'acqua e si apre il tappo,
Nella piscina d'inverno
Potevo avere nel contratto
Un'aureola con due ali e I fanali.
Mi approfitto del permesso
Di guardarti che mi dai
Da 55 metri in su
E' un po lontano, ma basta che ti vedo
E che tu abbia un'aria
Millenaria.
Come appiccica la colla dietro le fotografie
Non si stacca e se la strappi viene via
Il primo strato soltanto della nostalgia
Viene via, viene via
E continuo a vivere tutte le mie situazioni a perdere
E se mi volessi uccidere
Lunedi' c'e' gia' un qualcosa di scritto sul foglio
Ma non mi ricordo se nasce tuo figlio e io staro' meglio
Si e' trasformato il territorio
Cambio lente questo osservatorio
La stella e' andata piu' in basso
E allatta dietro alle spalle di una nuvola
Con la luce che la scopre.
Il rumore di un satellite mi tiene compagnia
Veramente e' un temporale, vado via
Ritorno dopo un minuto,
Quando non ci sei piu' neanche tu
E continuo a vivere tutte le mie situazioni a perdere
E se mi volessi uccidere
Lunedi' c'e' gia' un qualcosa di scritto sul foglio
Ma non mi ricordo se nasce tuo figlio e io staro' meglio
E continuo a vivere tutte le mie situazioni a perdere
E se mi volessi uccidere
Lunedi' c'e' gia' un qualcosa di scritto sul foglio
Ma non mi ricordo se io staro' meglio, meglio
[ Lyrics from: http://www.lyricsty.com/samuele-bersani-luned-lyrics.html ]